Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 25 settembre 2022

NOTIZIE IN BREVE

Assonime: le misure di liberalizzazione devono riguardare tutti i settori

/ REDAZIONE

Mercoledì, 18 gennaio 2012

x
STAMPA

Le misure di liberalizzazione “devono riguardare trasversalmente tutti i settori” e occorre “intervenire con immediatezza e incisività sul contenimento e la qualificazione della spesa pubblica”.

Lo chiede Assonime, che ha riunito a Roma il Consiglio Direttivo presieduto da Luigi Abete. Il Consiglio Direttivo ha espresso “apprezzamenti per il quadro dei provvedimenti – pur avendo auspicato una diversa modalità e finalizzazione degli interventi di natura patrimoniale – e ha sottolineato l’importanza del nuovo pacchetto per la crescita la cui emanazione è prevista nei prossimi giorni”. Secondo Assonime, “il Paese si trova di fronte ad un’occasione storica per rimuovere gli ostacoli all’accesso ai mercati e i vincoli, ingiustificati, all’esercizio dell’attività di impresa, che bloccano l’economia italiana. Per avere efficacia e credibilità, l’intervento di liberalizzazione, con misure incisive, deve riguardare trasversalmente tutti i settori. Solo assicurando l’equità e il carattere non discriminatorio dell’azione si possono rendere accettabili i sacrifici richiesti a ciascuno, accompagnandoli con forti azioni di semplificazione e riduzione dei tempi autorizzativi della pubblica amministrazione”. L’associazione chiede quindi “particolare attenzione alla liberalizzazione e privatizzazione dell’offerta di servizi pubblici locali, applicando le normative peraltro in gran parte già vigenti”. (Redazione)

TORNA SU