X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 29 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Utili e perdite su cambi alla prova di fine esercizio

/ Elena SPAGNOL

Giovedì, 10 gennaio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 2425-bis del codice civile, al comma 2, stabilisce che i ricavi ed i proventi, i costi e gli oneri relativi ad operazioni in valuta devono essere determinati al cambio corrente alla data nella quale la relativa operazione è compiuta. Tale criterio, previsto con riferimento alla contropartita di Conto Economico, va utilizzato anche per le attività e passività in valuta estera di qualsiasi natura e scadenza come indicato dal documento OIC 26 (§ 4.1).

Alla chiusura dell’esercizio, le attività e passività correnti in valuta, inclusi i crediti immobilizzati e le posizioni debitorie a medio-lungo termine, devono essere iscritte al tasso di cambio a pronti alla data di chiusura dell’esercizio ed i relativi utili e perdite su cambi devono essere imputati a Conto economico ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU