X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Compensazione dei crediti per imposte dirette al primo banco di prova

In assenza di indicazioni contrarie da parte dell’Agenzia, compensazione ammessa anche senza visto preventivo

/ REDAZIONE

Giovedì, 16 gennaio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Scade oggi il primo termine utile per la compensazione dei crediti di imposte dirette per i quali, se superiori a 15.000 euro su base annua, si applicano le novità contenute nella legge di stabilità 2014.

In assenza di chiarimenti ufficiali da parte dell’Agenzia delle Entrate, vale la pena di riepilogare i principali aspetti dubbi della nuova disposizione, così come sono stati interpretati nei primi commenti della dottrina.

In primo luogo, l’apposizione del visto non dovrebbe essere preventiva. Depongono, a favore di tale soluzione, il tenore letterale della disposizione e il fatto che non è stato modificato il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 21 dicembre 2009, che fissa i criteri per l’utilizzo del canale telematico indispensabile ai fini della ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU