X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Niente bollo sulle ricevute di pagamento dei ticket sanitari

L’Agenzia, nella ris. 9/2014, chiarisce che l’imposta di bollo non è dovuta anche ove gli importi superino 77,47 euro

/ Anita MAURO

Giovedì, 16 gennaio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le ricevute di pagamento rilasciate agli assistiti a seguito della corresponsione del ticket sanitario non devono essere assoggettate ad imposta di bollo, anche ove superino l’importo di 77,47 euro, in quanto tali atti rientrano tra quelli esenti in modo assoluto dall’imposta di bollo ai sensi dall’art. 9 della Tabella allegata al DPR 642/72.
Questo è quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate, nella ris. n. 9 di ieri, 15 gennaio 2014.

In primo luogo, l’Agenzia ha ricordato che, a norma dell’art. 13 n. 1 della Tariffa, parte I, allegata al DPR 642/72, le ricevute e le quietanze rilasciate dal creditore (o da altri per suo conto), a liberazione totale o parziale di una obbligazione pecuniaria, sono soggette ad imposta di bollo nella misura di 2 euro ciascuna ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU