Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Induttivo legittimo anche se i documenti non sono esibiti per forza maggiore

Per la Cassazione la determinazione induttiva dell’imponibile IVA non ha natura sanzionatoria

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 16 gennaio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza 668 depositata ieri della Corte di Cassazione si occupa della legittimità di un accertamento induttivo IVA derivante dalla mancata esibizione di documenti ad opera del curatore fallimentare della società accertata.

Si rammenta che l’accertamento induttivo consente all’Agenzia delle Entrate di determinare l’imponibile sulla base di qualsiasi dato pervenuto alla sua conoscenza, prescindendo dalle scritture contabili e utilizzando le c.d. “presunzioni semplicissime”, che, per definizione, possono non essere gravi, precise e concordanti.

Ciò, tanto nell’IVA quanto nelle imposte sui redditi e in altri comparti impositivi, rappresenta la “risposta” del potere finanziario a fronte di particolari condotte del contribuente, tra le quali figurano ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU