Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Società di comodo con vista nel quadro VA della dichiarazione IVA

La non operatività impedisce la compensazione in F24 o il rimborso del credito risultante al 31 dicembre 2013

/ Gianluca ODETTO

Sabato, 15 febbraio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le società di comodo sono tenute a compilare il rigo VA15 della dichiarazione IVA per segnalare il loro particolare “status”, che comporta limiti alla compensazione o al rimborso dell’eccedenza al 31 dicembre 2013. Va ricordato preliminarmente che il presupposto per tali limitazioni è duplice: non possono, infatti, compensare in F24 o richiedere a rimborso il credito sia le società che risultano non operative per insufficienza dei ricavi nel 2013, sia le società che risultano “in perdita sistematica” nello stesso esercizio a causa di perdite fiscali dichiarate per le annualità 2010, 2011 e 2012.

Le società che risultano di comodo per tre anni consecutivi e che, nel medesimo arco temporale, non effettuano operazioni rilevanti ai fini dell’IVA per un importo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU