Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Criticità degli adempimenti imposti dal «sistema cautelare 231»

Assonime esamina gli orientamenti giurisprudenziali in relazione alle misure interdittive

/ Stefano COMELLINI

Mercoledì, 12 marzo 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’intervento contenuto nel Caso n. 3/2014, Assonime interviene sul tema della “responsabilità dell’ente da reato e misure cautelari interdittive” nel sistema del DLgs. 231/2001.
Lo spunto è dato da due pronunce di legittimità con le quali la Cassazione penale ha fissato i presupposti per la revoca delle misure interdittive applicate in fase cautelare, a fronte di società che non avevano provato di essersi efficacemente adoperate per evitare il rischio di recidiva del reato.

Da un lato, la sentenza n. 46369/2013 con la quale la Suprema Corte ha osservato che la valutazione della sussistenza delle esigenze cautelari che costituiscono, insieme al “fumus commissi delicti”, il presupposto per l’applicazione delle misure cautelari interdittive a carico ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU