X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

La denuncia di furto della contabilità costa il sequestro all’imprenditore

La Suprema Corte sottolinea che le denunzie di furto o smarrimento di fatture in ipotesi false sono indizio del pregresso uso di quei documenti

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 9 maggio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per l’integrazione del delitto di dichiarazione fraudolenta, di cui all’art. 2 del DLgs. 74/2000, è necessario che la condotta (indicazione di elementi passivi fittizi) riguardi le fatture o altri documenti per operazioni inesistenti di cui all’art. 1 lett. a) del DLgs. 74/2000 e che tali documenti siano registrati nelle scritture contabili obbligatorie o detenuti ai fini di prova nei confronti dell’Amministrazione finanziaria in sede di successivo accertamento. Diversamente è configurabile il reato di dichiarazione infedele, di cui all’art. 4 del DLgs. 74/2000, per il quale, però, sono previste specifiche soglie di punibilità.

Al di sotto di tali soglie, in caso di mancato inserimento delle fatture, in ipotesi false, in contabilità e di mancata messa a disposizione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU