X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Anche l’omesso versamento di contributi previdenziali può «causare» il fallimento

La Cassazione ribadisce che tale condotta degli amministratori rientra nella nozione di operazione dolosa di cui all’art. 223 L. fall.

/ Stefano COMELLINI

Martedì, 8 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’omesso versamento dei contributi previdenziali e assistenziali può rientrare nella nozione di “operazioni dolose” prevista all’art. 223 comma 2 n. 2 L. fall. Questo il principio di diritto ribadito dalla Cassazione con la sentenza n. 29586 depositata ieri.

Nel caso all’esame della Suprema Corte, gli amministratori della società fallita avevano sistematicamente omesso i detti versamenti per anni, accumulando un debito con l’Amministrazione di quasi due milioni di euro.
Di qui, la contestazione di bancarotta fraudolenta impropria riferibile agli amministratori (e direttori generali, sindaci e liquidatori) di società dichiarate fallite che hanno cagionato, con dolo o per effetto di operazioni dolose, il fallimento della società (art. 223 comma 2 n. 2 L. fall.).

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU