X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Sponsorizzazioni deducibili solo col «nesso inferenziale»

Le spese di pubblicità devono essere indirizzate ad un pubblico che potenzialmente può acquistare il prodotto

/ Alessandro BORGOGLIO

Mercoledì, 8 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Se il messaggio pubblicitario è veicolato verso un pubblico inidoneo ad acquistare i prodotti commercializzati dall’impresa, le relative spese pubblicitarie, più specificamente di sponsorizzazione di un’associazione sportiva dilettantistica (ASD), sono indeducibili per violazione del principio generale di inerenza dei componenti di reddito. È questa la conclusione a cui è giunta la C.T. Prov. di Firenze, con la recente sentenza n. 969/6/14.

Per consolidata giurisprudenza di legittimità, le spese di pubblicità di cui all’art. 108, comma 2, primo periodo del TUIR sono soltanto quelle finalizzate alla realizzazione di iniziative tendenti, prevalentemente anche se non esclusivamente, alla pubblicizzazione di prodotti, marchi e servizi, o comunque dell’attività svolta, al ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU