Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

La carenza di prove non rende «automatica» la subordinazione

Per la Cassazione, l’insufficienza di prove relative ad un rapporto di natura diverso non determina la sussistenza dei requisiti tipici della subordinazione

/ Luca MAMONE

Mercoledì, 12 novembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 23931/2014, la Cassazione ha ribadito il principio secondo cui chi agisce in giudizio per accertare la natura subordinata di un rapporto di lavoro deve altresì provarne l’esistenza e, in difetto di tale dimostrazione, la controparte, ai fini del rigetto della domanda, non è tenuta a dimostrare la sussistenza di un diverso rapporto. Inoltre, nella sentenza si precisa, altresì, che per il riconoscimento della subordinazione occorre provare l’esistenza di elementi specifici, i quali non possono ritenersi sussistenti per la carenza di prove relative ad una diversa tipologia di lavoro. La controversia oggetto della pronuncia in esame riguarda l’INPS e una società di fatto, quest’ultima soggetta a due decreti ingiuntivi e ad un’ordinanza di ingiunzione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU