X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Il Consulente Asseveratore deve verificare la regolarità per il DURC

Operativa la procedura Asse.Co., che dà alle imprese vantaggi sul piano della vigilanza e del sistema degli appalti

/ Francesca TOSCO

Lunedì, 9 febbraio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Essere poste al riparo, se non a fronte di circostanze eccezionali, dai controlli degli organi di vigilanza e ottenere vantaggi competitivi nei rapporti tra privati e, in particolare, nella filiera degli appalti. Sono questi i principali effetti di cui godono le imprese che abbiano ottenuto l’Asse.Co.: lo strumento affidato alla competenza esclusiva dei Consulenti del lavoro – quindi, “precluso” ai commercialisti, che non possono diventare asseveratori – e finalizzato a verificare e asseverare la conformità dei datori di lavoro alla disciplina lavoristica e previdenziale, il cui sistema di gestione e rilascio è pienamente operativo. Ne ha dato notizia la Fondazione Studi dei Consulenti, nella circ. n. 3/2015, comunicando la messa on line della relativa piattaforma informatica.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU