X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IMPRESA

«Circoscritte» le violazioni di natura tributaria preclusive del rating di legalità

Rilevano ora gli accertamenti divenuti inoppugnabili o confermati con sentenza passata in giudicato nel biennio precedente la richiesta di rating

/ Maria Francesca ARTUSI

Sabato, 14 febbraio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la circolare n. 3/2015, Assonime porta l’attenzione su alcuni rilevanti provvedimenti riguardanti i criteri e le modalità per l’attribuzione del c.d. rating di legalità.
In particolare, si tratta delle delibere dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato (AGCM) del 5 giugno 2014 n. 24953 e 4 dicembre 2014 n. 25207, nonché del Protocollo d’intesa tra la medesima Autorità e l’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) dell’11 dicembre 2014.

Si ricorda che l’istituto del rating è stato introdotto nel nostro ordinamento dall’art. 5-ter del DL n. 1/2012 e la disciplina è stata succesivamente specificata attraverso interventi dell’AGCM e dei Ministeri competenti.
Le due citate delibere del 2014 hanno introdotto interessanti novità sia ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU