X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 22 ottobre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Impianto fotovoltaico non rurale se l’attività agricola è marginale

Per la Provinciale di Ravenna deve quindi rimanere censito nella categoria catastale D/1

/ Antonio PICCOLO

Lunedì, 9 ottobre 2017

L’impianto fotovoltaico non può essere classificato catastalmente come rurale, se la società, pur risultando agricola, svolge di fatto un’attività agricola marginale o addirittura assente, a fronte invece di una costante e consistente (sotto il profilo reddituale) attività di produzione di energia fotovoltaica; tale impianto deve quindi rimanere censito nella categoria catastale D/1, con conseguente applicazione di tributi erariali e locali dovuti per gli opifici.
Lo si desume dalla sentenza n. 246/3/17, con la quale la Commissione tributaria provinciale di Ravenna ha respinto i ricorsi di una società agricola, dopo averli riuniti.

La società, esercente (a suo dire) attività agricola tradizionale di coltivazione dei terreni (produzione di grano) e di produzione di energia fotovoltaica, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU