X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Dubbia la legittimazione all’appello del terzo interveniente

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 26 aprile 2018

Negli ultimi anni, la giurisprudenza tributaria è andata nel senso di ampliare le ipotesi in cui è ammesso l’intervento del terzo nel processo tributario, ai sensi dell’art. 14 del DLgs. 546/92.

Infatti, l’intervento è stato reso possibile non solo per i soggetti che possono essere direttamente incisi dall’obbligazione tributaria, come potrebbe essere il soggetto i cui diritti possono essere lesi dall’atto impositivo, stante la sua responsabilità solidale (si pensi al socio di società di persone, in relazione all’accertamento IMU o imposta di registro notificato alla società).
La facoltà di intervento spetta anche a soggetti che vantano un interesse qualificato relativo al processo, come potrebbe essere la Regione in merito all’accertamento IRAP emesso

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU