X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 22 ottobre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Legittimo l’accertamento al panificio basato su farina e lievito

Secondo la Cassazione, è possibile utilizzare una duplice ricostruzione induttiva

/ Alessandro BORGOGLIO

Giovedì, 11 ottobre 2018

È legittimo l’accertamento analitico-induttivo esperito dall’Ufficio a carico di un panificio, utilizzando le discrepanze relative alle ricostruzioni indirette dei ricavi basate sulle quantità acquistate di due materie prime indispensabili, come la farina e il lievito; sempreché, ovviamente, il contribuente non riesca a fornire un’adeguata prova contraria.
È quanto si desume dalla recente Cassazione n. 21860/2018.

È ormai nota da tempo la consolidata posizione giurisprudenziale di legittimità, per cui, per procedere all’accertamento analitico-induttivo di cui agli artt. 39, comma 1, lett. d) del DPR 600/1973 e 54 comma 2 del DPR 633/72, l’Ufficio può avvalersi anche di presunzioni semplici, purché qualificate (gravi, precise e concordanti), addirittura anche di una ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU