X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Non risolta l’eccezione di prescrizione dei crediti tributari in sede fallimentare

Nonostante l’intervento delle Sezioni Unite, rimangono i dubbi sul riparto di giurisdizione tributaria e fallimentare

/ Antonio NICOTRA

Martedì, 9 ottobre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

In sede di insinuazione al passivo fallimentare, l’eccezione sollevata dal curatore in ordine alla prescrizione dei crediti tributari, maturata dopo la notifica della cartella, è devoluta alla giurisdizione del giudice tributario. Il giudice fallimentare, infatti, non potendo conoscere della materia senza travalicare i limiti della sua giurisdizione, deve limitarsi ad ammettere al passivo il credito “con riserva” ex art. 88 del RD 267/42.
È questo, in sintesi, il principio di diritto enunciato con l’intervento delle Sezioni Unite 13 giugno 2017 n. 14648, che tuttavia non sembra avere dissipato i dubbi in ordine all’annosa questione del riparto di giurisdizione, tributaria e fallimentare, nella fase di accertamento del passivo.

Nell’ambito delle procedure concorsuali, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU