X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Può rispondere di bancarotta un amministratore diverso dal subentrato

In caso di fusione, il subentrato non è imputabile di bancarotta fraudolenta patrimoniale se non si rinvengono a suo carico prove di alienazioni

/ Ciro SANTORIELLO

Giovedì, 3 gennaio 2019

Le modalità di prova e ricostruzione di un fatto di bancarotta fraudolenta patrimoniale si svolgono secondo una tecnica di accertamento affatto particolare.

Secondo una consolidata e incontrastata giurisprudenza, lo sbilancio fallimentare, ove non si individui una corrispondenza tra impieghi e attività, si addebita all’imprenditore come ricchezza distratta (cfr. Cass. nn. 11405/2015 e 18145/2015).
La Cassazione è infatti costante nell’affermare che la prova della distrazione o dell’occultamento dei beni della società dichiarata fallita può essere desunta dalla mancata dimostrazione, ad opera dell’amministratore, della destinazione dei beni; per cui quando risulta che in epoca anteriore prossima al fallimento la società abbia avuto il possesso di determinati beni, non rinvenuti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU