X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Variazione in diminuzione nel pignoramento presso terzi a certe condizioni

È necessario che sia accertata l’insufficienza del patrimonio da escutere dall’ufficiale giudiziario o dal giudice

/ Antonio NICOTRA

Venerdì, 25 gennaio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta alla richiesta di consulenza giuridica n. 2, pubblicata ieri, si è espressa sull’interpretazione dell’art. 26 commi 2 e 12 del DPR n. 633/72, ai fini della corretta individuazione del termine a partire dal quale il cedente/prestatore sia legittimato all’emissione della nota di variazione in diminuzione, nei confronti del cessionario/committente soggetto alla procedura del pignoramento.

In caso impossibilità e/o difficoltà nell’applicazione delle presunzioni ex art. 26 comma 12 del DPR 633/72 – che individua il momento a partire dal quale la procedura esecutiva è infruttuosa, consentendo l’emissione della nota di variazione in diminuzione –, secondo l’Agenzia delle Entrate il presupposto legittimante viene ad esistenza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU