X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Giurisprudenza penale prudente sull’utilizzo delle presunzioni tributarie

/ Ciro SANTORIELLO

Martedì, 7 maggio 2019

Sono numerose le decisioni che in giurisprudenza affrontano il tema delle presunzioni tributarie e della loro utilizzabilità nel processo penale.
Costante – e presumibilmente ineludibile – è il ricorso, in sede di accertamento tributario, a forme di semplificazione probatoria per accertare che il contribuente abbia ottenuto ricavi maggiori rispetto a quelli dichiarati e che sono stati oggetto di imposizione (si pensi, ad esempio, alla disposizione di cui all’art. 32 comma 2 del DPR 600/1973).

Nonostante in dottrina alcuni autori sostengano che ai versamenti ed ai prelevamenti andrebbe riconosciuta la natura di fatti certi utilizzabili solo ai fini di una possibile prova per presunzioni semplici, con l’onere della prova che rimane quindi pienamente a carico dell’Amministrazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU