Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Fondo patrimoniale sempre più esposto alle azioni dei creditori

Gli orientamenti della giurisprudenza sono diretti a contrastare usi distorti dell’istituto, ma rischiano di pregiudicare gli interessi della famiglia

/ Cecilia PASQUALE

Venerdì, 10 maggio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

I più recenti orientamenti interpretativi in tema di fondo patrimoniale sono volti a limitare l’uso in frode ai creditori dell’istituto che, realizzando una separazione patrimoniale, riduce l’ammontare di patrimonio del debitore posto a garanzia del credito.
Tale impostazione, favorevole al creditore procedente, amplia i margini di proponibilità delle azioni esecutive su un patrimonio che, di regola, è destinato a soddisfare esigenze familiari.

Il fondo patrimoniale, in particolare, consente ai coniugi (ciascuno o entrambi) o ad un terzo di destinare determinati beni (immobili o mobili iscritti in pubblici registri o titoli di credito) a far fronte ai bisogni della famiglia (art. 167 c.c.).
Questo vincolo di destinazione preclude le azioni esecutive sui beni del fondo e sui frutti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU