X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Somme versate oltre il massimale contributivo senza effetti previdenziali

Dall’INPS istruzioni sul recupero entro il termine di prescrizione di dieci anni, distinguendo tra i periodi prima e dopo l’introduzione del sistema UniEmens

/ Daniele SILVESTRO

Venerdì, 10 maggio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la circolare n. 63 di ieri l’INPS fornisce le istruzioni operative per la corretta rilevazione del regime contributivo e del recupero della contribuzione versata in misura eccedente al massimale.

L’art. 2 comma 18 della L. 335/1995 pone infatti un limite, per i lavoratori rientranti nel sistema pensionistico contributivo, superato il quale il contributo non è dovuto. Tuttavia in alcuni casi il datore di lavoro calcola il contributo su un imponibile che nell’anno civile risulta essere eccedente il massimale. Ciò può avvenire per diverse cause, a seguito di un difetto di comunicazione tra datore e dipendente circa l’esatto regime contributivo applicabile, in virtù della successione di rapporti di lavoro nel corso dello stesso anno o per ulteriori motivi riguardanti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU