X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Il nudo proprietario non interviene in assemblea

Si consolida l’orientamento che esclude tale potere, ma si ammette la possibilità di impugnare la delibera adottata

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 6 giugno 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai sensi dell’art. 2352 comma 1 c.c., richiamato nelle srl dall’art. 2471-bis c.c., nel caso di usufrutto (o pegno) sulle azioni, il diritto di voto spetta, salvo convenzione contraria, all’usufruttuario (o al creditore pignoratizio). L’ultimo comma dell’art. 2352 c.c., inoltre, dispone che, salvo che dal titolo risulti diversamente, i diritti amministrativi “diversi” da quelli previsti nella disposizione normativa spettano, nel caso di usufrutto (o di pegno), sia al socio sia all’usufruttuario (o al creditore pignoratizio).

In relazione al diritto di intervento in assemblea, sia la dottrina che la giurisprudenza di merito tendono ad affermare che, in ragione dello stretto legame tra diritto di intervento e voto, lo stesso spetti in via esclusiva ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU