X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 1 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Contestazione del rimborso d’imposta senza termine anche per il fallimento

La decadenza dal potere di accertamento non impedisce la contestazione del debito

/ Alfio CISSELLO e Antonio NICOTRA

Giovedì, 6 giugno 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza 1° febbraio 2019 n. 3096, la Corte di Cassazione ha applicato, in materia fallimentare, il principio secondo il quale, in presenza di una richiesta di rimborso d’imposte, l’Amministrazione finanziaria può contestare il credito esposto dal contribuente nella dichiarazione anche se i termini per l’esercizio del suo potere di accertamento siano scaduti, atteso che la natura di tali termini è decadenziale solo per i crediti e non, invece, per i debiti tributari.

Nel caso di specie, una società notificava all’Amministrazione la cessione di un credito IVA del fallimento, sorto durante la procedura, al quale l’Ufficio opponeva un diniego parziale di rimborso, rilevando come tale credito provenisse da una illegittima compensazione compiuta dal curatore tra ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU