X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

IVA e dazio non sempre dovuti per l’auto immatricolata all’estero

Possibile far valere il regime di ammissione temporanea o l’uso in una «situazione di emergenza»

/ Stefano COMISI e Emanuele GRECO

Giovedì, 6 giugno 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 190 del 12 febbraio 2019 la Commissione tributaria regionale per la Liguria si è pronunciata in merito alle condizioni che legittimano la non applicabilità dei dazi e dell’IVA all’importazione pretesi per l’introduzione in Italia di un’autovettura immatricolata in uno Stato extra Ue.

La vicenda esaminata dai giudici riguardava un cittadino libico, residente in uno Stato dell’Unione europea (Austria), il quale nel gennaio 2018, appena sbarcato nel porto di Genova, era sottoposto ai controlli del personale dell’Agenzia delle Dogane che gli contestava la debenza dei diritti doganali e dell’IVA, nonché un illecito per contrabbando, avendo omesso di dichiarare l’introduzione del proprio veicolo nel territorio della Ue.

In esito alle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU