X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Trasferimenti di sede con dubbio perdite pregresse

Alla posizione favorevole della Corte di Giustizia Ue non corrispondono, però, orientamenti espressi dell’Amministrazione italiana

/ Luca MIELE

Mercoledì, 19 giugno 2019

Un dubbio che non ha ancora trovato risposta in provvedimenti normativi, né in documenti di prassi amministrativa, è quello del trattamento delle perdite pregresse maturate in capo a una entità non residente e non utilizzate al momento del cambio di residenza. Si tratta, in particolare, di capire se queste perdite generate all’estero possano essere utilizzate per compensare i redditi realizzati nel territorio dello Stato. 

Il tema, se si fa riferimento alle operazioni intracomunitarie, implica il difficile coordinamento tra l’equilibrata ripartizione della potestà impositiva tra Stati membri ed esercizio della libertà di stabilimento.
La soluzione avvalorata dalla giurisprudenza comunitaria, in estrema sintesi, è quella secondo cui il riporto delle perdite pregresse dovrebbe essere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU