X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 6 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Qualifica di impresa costruttrice da valutare in capo al cedente

/ Emanuele GRECO

Giovedì, 4 luglio 2019

Al fine di individuare il trattamento fiscale applicabile a una cessione immobiliare è decisivo comprendere, sin da subito, se si sia in presenza di un soggetto in possesso dello status di impresa costruttrice oppure di impresa “di ripristino”.
La cessione di un fabbricato (abitativo o strumentale) da parte del costruttore o da parte dell’impresa di ripristino, infatti, se effettuata entro cinque anni dall’ultimazione dei lavori, è soggetta al regime di imponibilità IVA in via obbligatoria.

Diversamente, per le cessioni di immobili eseguite da soggetti diversi da quelli sopra indicati, il trattamento IVA può variare tra:
- l’esenzione, quale regime naturale ex art. 10 comma 1 nn. 8-bis e 8-ter del DPR 633/72;
- l’imponibilità su base facoltativa, quale facoltà ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU