X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Saldo attivo di rivalutazione con regime dei dividendi variabile

Per l’imposizione in capo ai soci, l’anno di formazione della riserva dipende dall’aliquota IRES che il saldo non affrancato sconta in sede di distribuzione

/ Salvatore SANNA

Venerdì, 9 agosto 2019

La risposta a interpello dell’Agenzia delle Entrate n. 332/2019, pubblicata ieri, ha chiarito il trattamento fiscale applicabile ai soci, titolari di partecipazioni qualificate, i quali hanno percepito, nel corso del periodo d’imposta 2018, somme derivanti dalla distribuzione parziale della riserva di rivalutazione iscritta in bilancio a seguito della rivalutazione degli immobili di impresa ex art. 15 del DL 185/2008.

Nel caso di specie tale riserva, che accoglie il saldo attivo della rivalutazione, non è stata oggetto di affrancamento ai fini fiscali.
La riserva di rivalutazione ha, per il socio percipiente, natura di utile, imponibile secondo la disciplina dei dividendi.
Il regime fiscale applicabile ai soci al momento della percezione del dividendo dipende dall’individuazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU