X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ravvedimento su saldo e acconto IMU 2018 spostato a fine anno

Una tesi iperprudente induce a ravvedere entro il 18 giugno

/ Alfio CISSELLO e Arianna ZENI

Venerdì, 9 agosto 2019

La dichiarazione IMU viene presentata, ove richiesto, entro il 31 dicembre dell’anno successivo a quello in cui sorge il presupposto impositivo.

Si tratta di una situazione che si differenzia dalla dichiarazione dei redditi. Infatti, la reiterazione dell’obbligo dichiarativo si ha solo quando si verificano variazioni che, per una qualsivoglia ragione, comportano una diversa imposta dovuta.

In questa ultima ipotesi, grazie alle recenti modifiche del DL 34/2019, la dichiarazione va presentata entro il 31 dicembre (e non più il 30 giugno) dell’anno successivo a quello in cui sono intervenute le predette modificazioni.
Ciò, indirettamente, incide sui termini per il ravvedimento del saldo e dell’acconto IMU.

Lo scorso 17 giugno è scaduto il termine per pagare l’acconto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU