X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Sui compensi degli amministratori decide il Tribunale delle imprese

/ Maurizio MEOLI

Sabato, 14 settembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Sul giudice competente a decidere in ordine alle controversie aventi ad oggetto i compensi degli amministratori di società sembra sussistere ancora qualche incertezza.

Una risalente sentenza delle Sezioni Unite (Cass. SS.UU. n. 10680/1994) – anteriore alla riforma del diritto e del rito societario – aveva stabilito che la controversia nella quale l’amministratore di una spa, o ente assimilato, chieda la condanna della società stessa al pagamento di una somma dovuta per effetto dell’attività di esercizio delle funzioni gestorie è soggetta al rito del lavoro, ai sensi dell’art. 409 n. 3 c.p.c., atteso che, se verso i terzi estranei all’organizzazione societaria è configurabile, tra amministrazione e società, un rapporto di immedesimazione organica, all’interno dell’organizzazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU