X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 22 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Contanti utilizzabili «a scalare»

Abbassato progressivamente il limite relativo a qualsiasi trasferimento tra soggetti diversi

/ Maurizio MEOLI

Sabato, 19 ottobre 2019

Il limite all’utilizzo del denaro contante è destinato a tornare a 999,99 euro, dagli attuali 2.999,99 euro (a partire dal 1° gennaio 2022), dopo due anni (2020 e 2021) a 1,999,99 euro. Questo almeno stando all’ultima bozza del decreto fiscale.

Il divieto di utilizzare importi pari o superiori prima a 2.000 e poi a 1.000 euro riguarderà, ex art. 49 comma 1 del DLgs. 231/2007, il trasferimento di denaro contante (e di titoli al portatore) effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi (persone fisiche o giuridiche).

Il limite all’utilizzo del denaro contante, quale che ne sia la causa o il titolo, vale anche quando il trasferimento sia effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia che appaiono artificiosamente frazionati (ai sensi dell’art. 1 comma 2 lett. v) del

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU