X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Prudenza in attesa della riunione della Fed

La mancanza di spunti direzionali sta conducendo a variazioni minime dei tassi di interesse Irs e sui forward Euribor 3 mesi

/ Stefano PIGNATELLI

Martedì, 29 ottobre 2019

Operatori molto prudenti in attesa di una settimana che vede in primo piano la riunione della Fed. Se guardiamo ai contratti Future Fed Fund, opportunamente trattati, ricaviamo le attese sui Fed Fund: 93% la probabilità di un taglio a 1,50%-1,75% dall’attuale 1,75-2% alla riunione di mercoledì; riunione di dicembre 70% per tassi fermi a 1,50-1,75%; riunione di fine gennaio 50% tassi fermi e 38% taglio a 1,25-1,50%; riunione di marzo 40% tassi fermi e 40% taglio a 1,25-1,50%; identiche a queste ultime le attese per la riunione di aprile.
In sostanza molti sono convinti che la Fed taglierà mercoledì e poi ogni mossa sarà legata ai dati macro (segui tassi e costo funding su www.ildirettorefinanziario.it).

In precedenza, il presidente Powell aveva sottolineato il buon andamento dell’ ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU