X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Commercialisti e avvocati rispondono al Procuratore nazionale antimafia

Continuano le reazioni alle parole di Cafiero De Raho, che aveva chiesto ai professionisti di prendere esempio dai notai nella lotta all’illegalità

/ REDAZIONE

Martedì, 12 novembre 2019

Levata di scudi di commercialisti e avvocati contro le recenti dichiarazioni di Federico Cafiero De Raho. Intervenendo la scorsa settimana al congresso nazionale dei notai, il Procuratore nazionale antimafia ha sottolineato che solo questi ultimi hanno la sensibilità per interrompere i circuiti illegali e che gli altri professionisti dovrebbero prendere esempio, trovando il coraggio di dire no a certe partecipazioni e certi atti (si veda “La cultura della legalità non è esclusiva dei notai” del 9 novembre).

Parole che hanno provocato prima la reazione di ADC e ANC, affidata a una nota stampa alla quale si sono aggiunte, ieri, quelle del Consiglio nazionale dei commercialisti e dell’Unione giovani, oltreché del Consiglio nazionale forense.
“I commercialisti italiani – ha ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU