X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 12 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

L’obbligazione solidale contributiva negli appalti si prescrive in cinque anni

L’INL, con la nota n. 9943/2019, chiarisce alcuni dubbi interpretativi sul rapporto tra obbligazione retributiva e contributiva

/ Mario PAGANO

Giovedì, 21 novembre 2019

Il termine decadenziale di due anni previsto dall’art. 29 comma 2 del DLgs. 276/2003 riguarda esclusivamente l’esercizio dell’azione nei confronti del responsabile solidale da parte del lavoratore per il soddisfacimento dei crediti retributivi e non è applicabile, invece, all’azione promossa dagli enti previdenziali per il soddisfacimento della pretesa contributiva.
Questo è il principio giurisprudenziale ripreso e fatto proprio dall’Ispettorato nazionale del lavoro con il parere n. 9943 del 19 novembre, formulato in risposta a un proprio ufficio territoriale su un tema estremamente delicato come quello della responsabilità solidale derivante dall’appalto.

L’intervento chiarificatore dell’INL trova ragione in alcuni dubbi interpretativi sorti circa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU