X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Liceità della scissione asimmetrica a rischio se la beneficiaria è di mero godimento

Per l’Agenzia delle Entrate ciascuna beneficiaria deve dare concretamente seguito ai progetti imprenditoriali rappresentati

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 10 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La codificazione del principio dell’abuso del diritto nell’art. 10-bis della L. 212/2000, avvenuta nel 2015, ha determinato l’avvio di un positivo cambiamento di approccio, da parte dell’Agenzia delle Entrate, nelle valutazioni circa le potenzialità abusive delle scissioni non proporzionali o asimmetriche. In particolare, l’Agenzia delle Entrate sembra aver finalmente sposato in modo ampio la tesi della non elusività della scissione non proporzionale in sé stessa, ivi compreso il caso in cui lo scorporo abbia per oggetto immobili o comunque “meri beni” e non già complessi aziendali, allineandosi così a quanto già sostenuto dalla migliore dottrina.

Il “cambio di passo interpretativo” si è avuto con la ris. Agenzia delle Entrate n. 98/2017, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU