X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il domicilio fiscale in dichiarazione conta per l’ufficio competente ai controlli

L’indicazione in dichiarazione vale ai fini delle notificazioni e della legittimazione a procedere

/ Francesco BRANDI

Martedì, 3 marzo 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’ufficio delle entrate legittimato a procedere all’accertamento o alla liquidazione e iscrizione a ruolo è quello del luogo indicato nella dichiarazione dei redditi dal contribuente come domicilio fiscale.
È quanto affermato dalla Corte di Cassazione che, con la sentenza n. 4412 del 20 febbraio 2020, ha respinto il ricorso di una società che aveva indicato nel modello unico la propria sede.

La vicenda riguardava l’impugnazione di una cartella di pagamento scaturente dalla liquidazione automatizzata della dichiarazione ai sensi dell’art. 36-bis del DPR 600/73.
Con il ricorso in Cassazione la società denunciava, tra l’altro, violazione e falsa applicazione degli artt. 31 e 58 del DPR 600/73, per avere la C.T. Reg. affermato che la legittimazione a liquidare e a iscrivere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU