X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 10 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La continuazione delle sanzioni non si ferma dopo l’interruzione

Sanzione base aumentata dalla metà al triplo per omesse dichiarazioni su più anni

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Mercoledì, 17 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

In tema di continuazione delle sanzioni tributarie, l’art. 12 comma 6 del DLgs. n. 472/1997 deve essere interpretato nel senso che, con riferimento ad infrazioni che siano avvenute nel corso di diversi periodi di imposta, l’interruzione, una volta avvenuta, non impedisce che la detta continuazione possa nuovamente operare, limitatamente alle violazioni della stessa indole perfezionatesi successivamente alla contestazione.
Questo è il condivisibile principio di diritto affermato dalla Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza n. 11612, depositata nella giornata di ieri.

La questione sottoposta alla Cassazione atteneva all’ambito applicativo dell’art. 12 comma 6 del DLgs. 472/1997 secondo cui il “concorso e la continuazione sono interrotti dalla constatazione della ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU