X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Detrazione IVA a ostacoli in caso di separazione delle attività

/ Mirco GAZZERA

Martedì, 4 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

I soggetti passivi che esercitano più attività economiche sono tenuti ad applicare unitariamente e cumulativamente l’IVA, con riguardo al volume d’affari complessivo (art. 36 comma 1 del DPR 633/72). A fronte di questa regola generale, tuttavia, è prevista la separazione delle attività:
- per obbligo, nei casi espressamente stabiliti (es. esercizio contemporaneo di imprese e di arti o professioni);
- su opzione del soggetto passivo, in relazione ad attività sostanzialmente diverse fra loro individuate, di regola, da differenti codici ATECO; oppure, per attività con il medesimo codice, se sussiste una costante uniformità nei loro elementi essenziali e sono suscettibili di essere distinte in base a criteri oggettivi (circ. Agenzia delle Entrate n. 19/2018).

La separazione delle attività ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU