X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Esenzione anche per la delibazione di sentenze ecclesiastiche

Le sentenze che dichiarano la nullità del matrimonio concordatario sono esenti da ogni imposta e tassa

/ Anita MAURO

Giovedì, 2 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La delibazione della sentenza ecclesiastica di nullità del matrimonio concordatario va esente dall’imposta di bollo, di registro e da ogni altra tassa, ai sensi dell’art. 19 della L. 74/87.
Lo afferma l’Agenzia delle Entrate nella risposta n. 199, pubblicata ieri, confermando il chiarimento già reso dalla ris. Agenzia Entrate 7 aprile 2005 n. 43.

Il tema oggetto di interpello era il corretto trattamento da riservare, ai fini dell’imposta di registro, ai provvedimenti di delibazione delle sentenze ecclesiastiche che dichiarano la nullità del matrimonio concordatario. Il Ministero istante, infatti, dubitava che tali sentenze potessero godere dell’esenzione dall’imposta di registro e di bollo e da ogni altra tassa prevista dall’art. 19 della L. 74/87. Ma

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU