X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 31 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Per leggere bene la ripartizione del gettito dobbiamo disarticolarlo

Sabato, 29 agosto 2020

x
STAMPA

Gentile Redazione,
leggo il botta e risposta a proposito del gettito IRPEF dei dipendenti e dei pensionati (si veda “Gettito IRPEF, i commercialisti replicano alla UIL” del 28 agosto 2020).

Trattasi di una statistica del tutto fuorviante rispetto al tema nemmeno troppo velatamente sollevato da Domenico Proietti (UIL) a proposito di “quanto di più pagano i dipendenti rispetto agli autonomi”.
Per varie ragioni.

La prima: se prendiamo il gettito IRES o il gettito IRAP, scopriremmo che il contributo dei dipendenti e dei pensionati per queste imposte è nullo.

Bella scoperta, dirà Proietti.
Certo, dico io: è ovvio che se il sistema fiscale prevede imposte diverse a seconda dell’attività e/o del soggetto, il dato statistico del gettito per categoria di contribuenti guardando ad una sola imposta è sempre fuorviante.

Ma c’è un altro tema che è ancor più paradossale.
Chi gestisce in autonomia un’attività con una società di capitali, quasi sempre è anche amministratore della società.

Come tale il suo reddito viene assimilato a quello dei lavoratori dipendenti e quindi, pur essendo “lavoro autonomo”, non solo non finisce nel canestro del gettito degli autonomi, ma alimenta il canestro del gettito dei dipendenti.

Poi possiamo aggiungere quello dei pensionati: sappiamo tutti che noi commercialisti siamo autonomi, ma quando prenderemo la pensione per il fisco “diventiamo dipendenti”…

Quindi, se vogliamo divertirci a dare una lettura corretta sulla ripartizione del gettito tributario tra autonomi e dipendenti, dovremmo:
- disarticolare il gettito da reddito di lavoro dipendente tra dipendenti e le varie forme di autonomi assimilati ai dipendenti;
- fare la stessa operazione sui redditi da pensione;
- aggiungere nel basket degli autonomi l’intero gettito IRES + IRAP.

Fatti i conti sarei felice di analizzarli insieme a Domenico Proietti


Giampiero Guarnerio
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano

TORNA SU