X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Miope non tener conto delle iscritte per la commissione sulla riforma fiscale

Venerdì, 18 settembre 2020

x
STAMPA

Gentile Redazione,
il Consiglio nazionale ha nominato una commissione sulla riforma fiscale.
La commissione produrrà una proposta di riforma che verrà sottoposta al Governo e alla politica.

Con grande rammarico notiamo che, ancora una volta, questo CN dimostra di avere una visione miope della realtà di categoria, non tenendo conto delle donne iscritte all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, che sono pari al 32,8% (dato al 1° gennaio 2018) del totale degli iscritti.
Donne che potrebbero dare un contributo importante e competente a un tavolo dove si discute di politiche fiscali che investono i lavoratori e le famiglie.

Nessuna categoria professionale può essere “Utile al Paese” se nel dare il suo contributo alla politica non tiene conto della diversità di genere, diversità che è portatrice di vivacità, di confronto tra esperienze di vita e culturali che non possono che portare arricchimento a un progetto politico che ne avrebbe tanto bisogno.


CPO Coordinamento Regionale Sicilia

TORNA SU