X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 27 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La Cassazione apre sull’esenzione IVA per le prestazioni dei chiropratici

La mancata regolamentazione della professione non preclude il riconoscimento del beneficio

/ Mirco GAZZERA

Sabato, 3 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini del riconoscimento dell’esenzione IVA alla prestazione di cura alla persona resa da un chiropratico, occorre accertare che la prestazione garantisca un livello sufficiente di qualità e che il prestatore sia munito di formazione adeguata somministrata da istituti d’insegnamento riconosciuti dallo Stato, anche in mancanza dell’istituzione del registro dei dottori in chiropratica e dell’attivazione del relativo corso di laurea magistrale. Si tratta del principio di diritto sancito nella sentenza n. 21108/2020 dalla Corte di Cassazione, nella quale quest’ultima ha adeguato il proprio orientamento alla giurisprudenza Ue.

In merito al trattamento IVA delle prestazioni rese dai chiropratici, la Cassazione ha richiamato, inizialmente, i precedenti in materia secondo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU