X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Demolizione e successiva ricostruzione con incognita prima casa

/ Andrea BONINO e Emanuele GRECO

Mercoledì, 11 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le modifiche inserite all’interno del Testo unico dell’edilizia dal decreto “Semplificazioni” (DL 16 luglio 2020 n. 76, conv. L. 120/2020) ricomprendono tra gli interventi di ristrutturazione edilizia (art. 3 comma 1 lett. d) del DPR 380/2001) anche la demolizione di un fabbricato seguita dalla successiva ricostruzione dello stesso con una diversa sagoma o un incremento di volumetria, nel rispetto degli strumenti urbanistici comunali.

L’estensione della nozione di ristrutturazione edilizia presenta interessanti riflessi ai fini IVA, qualora si consideri che per gli interventi così qualificabili è prevista l’aliquota IVA agevolata del 10%, se realizzati a seguito della stipula di contratti di appalto (n. 127-quaterdecies della Tabella A, parte III, allegata

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU