X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 17 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Processo tributario avvilito e trascurato anche per la mancanza di mezzi

Giovedì, 4 marzo 2021

x
STAMPA

Gentile Redazione,
tutti i settori della Giustizia soffrono la difficoltà di coniugare le esigenze formali delle varie procedure con le restrizioni dettate dall’emergenza sanitaria, ma in questo panorama difficile la Giustizia tributaria gioca un ruolo di Cenerentola avvilita e trascurata, anche per la mancanza di mezzi.

Di recente una disposizione di una sezione della C.T. Reg. Abruzzo, sezione staccata di Pescara, è intervenuta a gamba tesa nel processo stravolgendo le norme e affermando che, dato che per carenza di mezzi non si possono tenere le udienze a distanza, tutte le vertenze saranno trattate sulla base degli atti, e solo con apposita richiesta (!) potranno essere ammesse memorie e conclusionali; le trattazioni in presenza sono eccezionali e stabilite solo per procedimenti di rilevante valore e complessità giuridica.

Richieste improprie e parametri vaghi, formulati per scoraggiare le richieste di svolgere il processo nei modi di legge, dimenticando che l’esercizio della Giustizia è un requisito imprescindibile della nostra società, e la Costituzione impone il processo in contraddittorio tra le parti, secondo l’esigenza del giusto processo.

È facilmente immaginabile che le pronunce che scaturiranno da tali comportamenti, che sono pur sempre sentenze “In nome del Popolo italiano”, provocheranno sempre più facilmente il ricorso davanti al giudice di legittimità, la Corte di Cassazione, per irregolare costituzione del contraddittorio, e la Suprema Corte, già oberata da un numero abnorme di procedimenti tributari, si troverà travolta da una nuova marea montante di vertenze.

E tutto perché vengono assunti provvedimenti miopi nell’urgenza del momento, senza valutare con serenità l’importanza di un corretto esercizio dell’attività giudiziaria, dove è meglio assicurare il rispetto delle parti piuttosto che la celerità confusa!


Alberto Arrigoni
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano

TORNA SU