X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Contratto di solidarietà ammissibile nell’ambito di una procedura di mobilità

/ REDAZIONE

Giovedì, 8 aprile 2021

x
STAMPA

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 9307, depositata ieri, 7 aprile 2021, ha chiarito i rapporti esistenti tra il contratto di solidarietà difensivo e le procedure di mobilità.

Nel caso di specie, nel secondo grado di giudizio, era stato dichiarato illegittimo il contratto di solidarietà di tipo difensivo stipulato tra le parti, per effetto del quale al lavoratore era stato ridotto l’orario di lavoro e diminuita la retribuzione, in quanto convenuto nell’ambito di una procedura di mobilità già avviata dall’azienda in riferimento a settori parzialmente coincidenti e per le stesse esigenze.

Per la Corte d’Appello, dunque, l’illegittimità del contratto derivava dalla circostanza che lo stesso fosse inserito nell’ambito di una procedura di mobilità ancora efficace.

La decisione assunta dai giudici di legittimità è invece nel senso opposto: nella sentenza in commento è stato affermato che un contratto di solidarietà, che consiste in un accordo collettivo aziendale finalizzato a fronteggiare situazioni di esubero del personale attraverso la riduzione dell’orario di lavoro, può legittimamente intervenire nell’ambito di una procedura di licenziamento collettivo.

Non è invece ammesso il contrario, vale a dire durante la vigenza di un contratto di solidarietà difensivo non può essere avviata alcuna procedura di riduzione di personale, ciò in quanto, in quest’ultimo caso, il licenziamento si porrebbe in contrasto con le specifiche finalità sottese alla stipula di un contratto di solidarietà, volte a evitare riduzioni di personale.

Nella prima ipotesi, invece, come avvenuto nel caso di specie, la procedura di mobilità in precedenza avviata può non essere sufficiente a fronteggiare successivi esuberi di personale, dovuti al peggioramento della crisi economica dell’azienda, con la conseguente necessità di ricorrere allo strumento del contratto di solidarietà.

TORNA SU