X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

CONTABILITÀ

Fatti successivi alla chiusura dell’esercizio con impatto differenziato sul bilancio

Devono essere recepiti nei valori di bilancio soltanto i fatti relativi a condizioni già esistenti alla data di riferimento del bilancio

/ Silvia LATORRACA

Lunedì, 10 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In sede di redazione del bilancio, e in specie in periodi emergenziali come quello che stiamo vivendo, ci si interroga sulle modalità di recepimento, nei valori di bilancio, dei fatti successivi alla chiusura dell’esercizio.
Il trattamento contabile di tali eventi è disciplinato dal documento OIC 29.
In via preliminare, il principio contabile precisa che costituiscono “fatti intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio” quei fatti, positivi e/o negativi, che avvengono tra la data di chiusura e la data di formazione del bilancio d’esercizio.

Tanto premesso, devono essere recepiti nei valori (delle attività e passività) di bilancio, in conformità al postulato della competenza, soltanto quei fatti che evidenziano condizioni già esistenti alla data di riferimento del bilancio, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU