Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Con partecipate pubbliche in perdita, P.A. senza obbligo di accantonamento

IL DL 77/2021 ha anche disposto una deroga al c.d. divieto di «soccorso finanziario»

/ Paolo BIANCONE, Silvana SECINARO e Federico CHMET

Sabato, 14 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le pubbliche amministrazioni per l’anno 2020 non sono obbligate a effettuare l’accantonamento qualora l’entità in cui possiedono una partecipazione verta in una situazione di perdita.
Tale intervento normativo è stato introdotto con il DL 77/2021, che consente di escludere l’anno 2020 dall’applicazione dell’art. 21 del DLgs. 175/2016. Detta normativa, infatti, prevede l’obbligo dell’amministrazione comunale di effettuare un accantonamento nell’anno successivo in apposito fondo vincolato per un importo pari al risultato negativo non immediatamente ripianato della partecipata in perdita.

Il DL 77/2021 ha disposto, inoltre, che non si computi l’esercizio 2020 nel calcolo del triennio ai fini del divieto di soccorso finanziario disciplinato ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU