X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Evitabile il subentro del cessionario nei contratti aziendali a certe condizioni

Risulta necessario provare alternativamente o il «carattere personale» del contratto o l’esistenza del «patto contrario» tra le parti

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 7 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Quando il subentro nel contratto di un soggetto terzo ad uno degli originari contraenti si verifica nell’ambito di un’operazione di cessione di azienda, o anche di ramo d’azienda, la disciplina che si rende applicabile, in luogo di quella ordinaria di cui agli artt. 1406 ss. c.c., è quella prevista dall’art. 2558 c.c. (c.d. “disciplina generale nell’ambito della cessione d’azienda”), salvo che allo specifico contratto risultino applicabili le norme “speciali”, previste, in relazione a particolari tipologie di contratto, dalle seguenti disposizioni:
- art. 36 della L. 27 luglio 1978 n. 392, per quanto concerne la specifica fattispecie della successione del cessionario nei contratti di locazione aventi per oggetto immobili commerciali; ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU