X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Scelta tra IRPEF e imposta sostitutiva per i redditi di capitale di fonte estera

I redditi sono indicati nell’apposito prospetto del quadro RM del modello REDDITI

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 1 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il possesso di redditi di capitale di fonte estera impone alcune valutazioni nella dichiarazione dei redditi del percipiente. La regola generale è, infatti, quella dell’imposizione sostitutiva (art. 18 del TUIR), con la medesima aliquota della ritenuta a titolo d’imposta che grava sui medesimi redditi, se percepiti da residenti (in genere, si tratta del 26%); in questo caso, i redditi sono dichiarati nella sezione V del quadro RM, rubricata “Redditi di capitale soggetti ad imposizione sostitutiva”, avendo cura di indicare, con appositi codici, la tipologia del reddito percepito (ad esempio, “B” per i proventi degli OICVM conformi alle direttive dell’Unione europea, “E” per i proventi compresi nei capitali corrisposti in dipendenza di contratti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU