X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Imponibile IVA la «riduzione del prezzo» se il cessionario è obbligato all’acquisto

/ Luca BILANCINI

Martedì, 21 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’applicazione di incentivi alla vendita costituisce una prassi commerciale piuttosto diffusa. È necessario, tuttavia, distinguere fra le diverse iniziative promosse per valutarne il corretto trattamento ai fini IVA.
Degli sconti, ad esempio, occorre tenere conto nella determinazione della base imponibile delle cessioni di beni o delle prestazioni di servizi, che, secondo quanto stabilito dall’art. 13 del DPR 633/72, deve essere costituita “dall’ammontare complessivo dei corrispettivi dovuti al cedente o prestatore secondo le condizioni contrattuali”; essi hanno, quindi, diretta incidenza sul prezzo della merce venduta o del servizio erogato.

Laddove previsti contrattualmente, gli sconti possono distinguersi in “condizionati” o “incondizionati”,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU